ItalianoEnglish    
       
      Home sito web
      Home risorse
       
      ITALIANO
      Area Studio
      Verbi italiani
       
PROFILE     ITALIA
     
Giornali
Radio
Tv
Musei online
Giri virtuali
Dizionari online
Librerie online
Tradizioni
Applicazioni
       
      Scuole in Italia
      Scuole nel mondo
      Scuole amiche nel mondo
      IIC nel mondo
      Ambasciate nel mondo
      Ambasciate in Italia
       
       
 
Segnala un errore Commenta questo articolo Aggiungi a preferiti

Articoli Fonte: Saena Iulia
 
 
    Attività consigliata ...
>>> Commenta questo articolo Commenta questo articolo
   
  1. Ascolta
2. Leggi il testo
3. Ascolta e leggi
4. Commenta questo articolo ... e se vuoi richiedi la correzione gratuita del tuo commento
   
 
    Come siamo
  L'Italia vista dai bambini immigrati
 
   
 

 
 
     
    Pdf
   
  Apri pdf
     
     
    Audio e testo   4'15''
         
  Livello - A1
>>> Segnala un errore Segnala un errore
  Parole - 393  
   
 
           
       
 

Come siamo

L’Italia vista dai bambini immigrati

 

NOI

 

Come siamo noi italiani? Le opinioni sono molto diverse, specialmente fra gli italiani; gli stranieri hanno opinioni simili, anche se questo non è sempre positivo … per noi.

 

C’è un libro molto interessante, di Giuseppe Caliceti, insegnante in una scuola di Reggio Emilia. In questo libro ci sono i commenti dei “nuovi” italiani, bambini figli di immigrati, quasi tutti nati in Italia.

 

I “NUOVI” ITALIANI

 

“Gli anziani sono tanti e l’Italia è un paese vecchio”

Nabil, 10 anni, Marocco

 

“Gli italiani sono arroganti e pensano di essere i padroni del mondo solo perché i loro parenti sono italiani”

Dinkar, 11 anni, Sri Lanka

 

 “Gli italiani sono allegri, simpatici e … un po’ ladri e assassini”

Samir, 10 anni, Marocco

 

“In Italia le donne lavorano più dei mariti”

Ada, 6 anni, Camerun

 

“Le invenzioni degli italiani? Tante cose, soprattutto vestiti e cibi”

Akuti, 10 anni, India

 

“La politica è quando uno non è d’accordo”

Diego, 8 anni, Romania

 

“In Italia non c’è il re ma c’è il governo e litigano sempre”

Eric, 9 anni, Russia

 

“In Marocco c’è la festa del montone, in Italia invece non c’è la festa di nessun animale: non amate nessun animale?”

Naima, 7 anni, Marocco

 

“Se io imparo a giocare a calcio è più facile che i bambini sono miei amici perché tutti parlano del calcio”

Tong, 8 anni, Cina

 

“Io vorrei chiedere al maestro: io sono italiana o albanese o tutti e due? Io sono nata in Italia: sono immigrata o no?”

Vera, 11 anni, Albania

 

“Allora qual è la mia patria? L’Italia o la Tunisia, per me che sono nata in Italia? Oppure tutte e due? Oppure nessuna patria?”

Zahira, 11 anni, Tunisia

 

 “Non capisco la gente che dice: tu sei albanese, tu sei indiano, tu sei italiano, tu sei rumeno. Cosa vuol dire? Io adesso sono qui in Italia. Secondo me se i bambini non sanno che sono nati in paesi diversi, è più facile stare insieme. Anche da grandi”

Damian, 10 anni, Romania

 

“Nessuno vuole i poveri per paura che dopo diventano un po’ ricchi anche loro e i ricchi diventano un po’ più poveri, perché non possono essere tutti ricchissimi, è impossibile!”

Omar, 11 anni, Marocco

 

“Qui in Italia gli Italiani sono molti, ma vicino a casa mia non vedo italiani”

Iruwa, 6 anni, Costa d’Avorio

   

 
     
    Pdf
   
  Apri pdf
     
     
    Audio e testo   4'50''
         
  Livello - A2
>>> Segnala un errore Segnala un errore
  Parole - 471  
   
 
           
       
 

Come siamo

L’Italia vista dai bambini immigrati

 

NOI

 

Come siamo fatti noi italiani? I pareri sono molto discordi, specialmente fra gli italiani, mentre c’è sicuramente più uniformità fra i giudizi degli stranieri, anche se questo non è necessariamente positivo … per noi.

 

Questa volta guardiamoci attraverso occhi particolari, quelli di bambini figli di immigrati, quasi tutti nati in Italia. Sono i “nuovi” italiani, uno su sedici nella scuola elementare.

 

I commenti sono stati estratti dai temi di italiano di una scuola di Reggio Emilia e raccolti in un libro dall’insegnante, Giuseppe Caliceti.

 

I “NUOVI” ITALIANI

 

“Gli anziani sono tanti e l’Italia è un paese vecchio”

Nabil, 10 anni, Marocco

 

“Gli italiani sono arroganti e si sentono i padroni del mondo solo perché i loro parenti sono italiani”

Dinkar, 10 anni, Sri Lanka

 

“Gli italiani sono allegri, simpatici, movimentati e … un po’ ladri e assassini”

Samir, 10 anni, Marocco

 

“Quando sono arrivato, avevo paura che c’era una mafia che mi uccideva”

Ndidi, 10 anni, Senegal

 

“Gli italiani hanno inventato tante cose ma soprattutto vestiti e cibi”

Akuti, 10 anni, India

 

“In Italia le donne lavorano più dei mariti”

Ada, 6 anni, Camerun

 

“La politica è quando uno non è d’accordo”

Diego, 8 anni, Romania

 

“In Italia non c’è il re ma c’è il governo e bisticciano sempre”

Eric, 9 anni, Russia

 

“Le mamme italiane trattano i figli un po’ da piccoli anche se sono grandi, io invece ho capito subito che dovevo arrangiarmi da sola”

Olga, 11 anni, Togo

 

“In Marocco c’è una festa del montone, in Italia invece non si festeggia nessun animale: non vi piace nessun animale?”

Naima, 7 anni, Marocco

 

“Io ho capito che se tu impari a giocare e a sapere del calcio è più facile che i bambini sono miei amici perché tutti parlano del calcio”

Tong, 8 anni, Cina

 

“Io vorrei chiedere al maestro: io sono italiana o albanese o tutti e due? Io sono nata in Italia: sono immigrata o no?”

Vera, 11 anni, Albania

 

“Allora qual è la mia patria? Sempre l’Italia oppure è la Tunisia anche per me che sono nata in Italia? Oppure tutte e due? Oppure nessuna patria?”

Zahira, 11 anni, Tunisia

 

“Non capisco quella gente che dice: tu sei albanese, tu sei indiano, tu sei italiano, tu sei rumeno. Cosa vuol dire? Io adesso sono qui in Italia. Secondo me se i bambini non sapevano che erano nati tutti in paesi diversi, era più facile andare d’accordo. Anche da grandi”

Damian, 10 anni, Romania

 

“Nessuno vuole i poveri per paura che dopo diventano un po’ ricchi anche loro e i ricchi diventano un po’ più poveri, perché non possono essere tutti ricchissimi, è impossibile!”

Omar, 11 anni, Marocco

 

“Qui in Italia gli italiani sono molti, ma vicino a casa mia non ne vedo nessuno”

 

Iruwa, 6 anni, Costa d’Avorio

   

    Commenti
>>> Commenta questo articolo Commenta questo articolo
 
   
     
 
 
 

© Scuola Saena Iulia Via Monna Agnese, 20 - 53100 Siena - Italia
Tel. +39 0577 44155 / Fax +39 0577 094657
www.saenaiulia.it - info@saenaiulia.it - skype: saenaiulia